Cenni storici

San Dalmazzo viene descritto come un evangelizzatore itinerante sulle Alpi Marittime, attorno all’antica Pedona, con missioni in Provenza e nella pianura da Alba, a Milano e a Pavia, dove lo si vorrebbe vescovo e martire locale.
La tradizione pone la data della sua morte al 5 dicembre 254.

Busto reliquiario di San Dalmazzo

San Dalmazzo in abiti da Tebeo
(dipinto del XVIII secolo)

Gli elementi finora emersi tuttavia, pur dando prova di continuità di culto, non hanno fornito testimonianze epigrafiche o iconografiche nuove e comprovanti la persona del santo e il suo eventuale martirio.
Chiese a lui dedicate dal tardo medioevo sono presenti oltre che in Piemonte, Provenza e Liguria, anche in Lombardia, Emilia e Toscana.
Tuttavia i testi liturgici e letterari medievali hanno suscitato non poche questioni in questo ultimo secolo, lasciando alla fine l’idea di una vaga leggenda.

Indubbio frutto delle indagini archeologiche recenti, che hanno portato alla luce l’abside di una chiesa del VI secolo, è la prova di una continuità di culto per almeno un millennio e mezzo sul luogo ove la tradizione pone la sepoltura di San Dalmazzo.     

Testa di San Dalmazzo
(Scultura su urna 1888)



Iconografia - San Dalmazzo vescovo o martire?

Da "Ricerca storico iconografica su S.Dalmazzo di Pedona"

L’incertezza delle notizie dalle fonti letterarie e liturgiche più antiche hanno lasciato adito al diffondersi di due tradizioni iconografiche ben distinte.

Nella prima il santo è raffigurato come vescovo, secondo la tradizione pavese, diffusa in Lombardia, Emilia, e Toscana.

San Dalmazzo guidato dall'angelo
(dipinto del XVIII secolo)

San Dalmazzo converte il centurione Cornelio
(dipinto del XVIII secolo)

Nell’area dello Stato sabaudo, dalla fine del Cinquecento, San Dalmazzo è raffigurato in abiti di legionario tebeo e come tale compare nella maggior parte delle raffigurazioni a lui dedicate nella chiesa di Borgo, salvo nella statua moderna che lo raffigura come oratore classico.

La statua di San Dalmazzo Evangelizzatore